Una vecchia nonna alla nipote in dialetto triestino 

di Barbara Grubissa 

Noi altre  guantavimo duro   strinzevimo i denti 

e se i  omini i zigava  e  i diventava violenti 

‘ndavimo a sconderse in un cantòn 

e sugavimo la lagrimuza che colava zò 

col grembiulìn cusido coi veci lenzioi. 

No capiso perché te ga el muso longo 

Solo perché el tempo no te pasa? 

E le robe che te sbrighi no le fila? 

Guantilo duro, scolta ‘na vecia, 

che  el lava pignate la sera 

e  che forsi  el  se indormenza senza slongar la man. 

E vardo la vecia tuta ben composta 

che podesi eser mia nona 

 coi oci spalancai  e la mia botega verta. 

Traduzione: noi altre lottavamo stringevamo i denti/ e se gli uomini gridavano e diventavano violenti/ andavamo a nasconderci in un cantuccio / e asciugavamo una lacrima che bagnava le nostre gote/ con il vestitino di casa cucito con vecchie lenzuola/ Non capisco perché fai il broncio/ solo perché il tempo trascorre noioso e lento?/ e ti capitano alcuni inconvenienti?/ Tientelo stretto, ascolta una vecchia/ lui lava le pentole / e se ti va bene si addormenta la sera senza violentarti./ e guardo la vecchia tutta ben vestita e inamidata/ che potrebbe essere  mia nonna/  con espressione stupita e la zip dei  miei pantaloni abbassata per sbaglio.