IL TRUCCO E' ALTAMENTE METAFORICO

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti per garantire una migliore esperienza di navigazione. Continuando a navigare acconsenti al loro utilizzo.

Vedi la Policy sulla Privacy

Vedi i documenti della direttiva sulla e-Privacy

Hai rifiutato i cookie. Questa scelta può essere cambiata.

Hai accettato di utilizzare cookie sul tuo computer. Questa scelta può essere cambiata.

Poeta dialettale

Spesso scegliamo di parlare ai nostri figli in lingua italiana. Forse vogliamo che imparino più facilmente la grammatica. Optiamo per la comunicazione corretta rinunciando all' espressivita' e all' immediatezza del linguaggio dialettale. I bambini dal canto loro giocano, inventano parole, linguaggi, fiabe personaggi versi ed espressioni del viso. Il poeta dialettale e' doppiamente dispettoso: da un lato utilizza l'aggettivo o il verbo affettivo, colloquiale, intimo, quotidiano, espressivo ed emotivo. Come i bambini mostra il sasso per dire "pietra" e indica a terra per dire "qui"; usa il linguaggio di una bella chiacchierata a ricreazione. Compila una frase dopo aver consultato a lungo il dizionario e aver deciso di chiuderlo. Tanto la poesia ha un meccanismo di correzione automatica che semplifica il più' possibile i lunghi discorsi: la metrica associata all'emozione forte. B.G.

Le Collaborazioni

L'atto poetico e' semplicemente il "punto in comune". Il momento di confronto fra visioni opposte, idee politiche, momenti di vita in evoluzione o in declino. Il verso e' un attimo di intesa immediata anche fra modi di sentire diversi. L'istante prima della scelta fissato come un fermo immagine; il risultato immediato di una decisione, uno stand by di riflessione. Una poesia puo' essere musica, un testo di una canzone, trasformarsi in dipinto, scultura, illustrazione o in un rap. La metrica e' pari al chiaroscuro, alle note musicali, alla partitura e al montaggio. La collaborazione costante con artisti di varia natura ed eta' deriva dalla natura stessa di questo genere: poesia e' semplicemente sintesi estrema in qualsivoglia forma.

Collana 180

alpha beta verlag

La collana 180 Archivio critico della salute mentale, è diretta da Peppe Dell’Acqua, Nico Pitrelli e Pier Aldo Rovatti e nasce dal comune interesse intorno alla questione della salute mentale da parte del Dipartimento di Salute Mentale di Trieste, del Laboratorio di Filosofia Contemporanea dell’Università di Trieste, della Conferenza Permanente per la Salute Mentale nel Mondo Franco Basaglia, del Master in Comunicazione della Scienza della SISSA di Trieste, del WHO Collaborating Centre for Research and Training in Mental Health di Trieste e del Forum Salute Mentale. Barbara Grubissa ha partecipato come curatrice del libro C’era una volta la città dei matti.

La versatilità...

 

Poesia è un fiore di carta

Cos'è la poesia

Hai mai notato? Alla stazione i viaggiatori guardano tutti nella direzione da cui credono di veder arrivare il treno. Io no.  Io guardo dalla parte opposta: fisso il punto dove devo andare, il mio ipotetico arrivo, la mia prefissata destinazione. Per questo mi chiamano "poeta".
(Barbara Grubissa).

  • tab1



    Furio Bomben illustra la poesia di Barbara Grubissa tratta dal libro "SON STUFADIZA - Il trattamento sanitario obbligatorio - TSO" KappaVu Edizioni 2010.

  • tab2



    Dodici tavole dipinte da Pino Giuffrida ispirate al libro "Son Stufadiza - Il Trattamento Sanitario Obbligatorio TSO" di Barbara Grubissa - KappaVu Edizioni.

Come Contattare Barbara






Risacca di radici e parole

acero-rosso